Noi lavoriamo così - Siti web e mobile Olbia - Webconsulentzia
web agency Olbia
web agency Olbia
50671
page,page-id-50671,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-1.5,vertical_menu_enabled, vertical_menu_width_290,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2,vc_responsive
 

Noi lavoriamo così

WebConsulentzia é una web agency a cui una sorte benigna ha dato sede nell’isola dei Sardi.

Questo significa che:
– non diciamo balle: qui non siamo in tanti e ci teniamo alla nostra reputazione;
– i nostri nonni erano poveri ma ci hanno insegnato a non essere avidi: non ci arricchiremo alle tue spalle;
– trattiamo ogni progetto con lo stesso riguardo: sarai sempre il nostro cliente più importante;
– perché il denaro guadagnato onestamente ne porterà di altro, o almeno così dicono.

Il nostro workflow

Come lavoriamo:

– dopo averti ascoltato, ricerchiamo il meglio per quello che ti serve e te lo proponiamo;
– se quello che ti abbiamo proposto piace progettiamo la soluzione personalizzata;
– sviluppiamo il tuo progetto con competenza e attenzione. Vogliamo essere all’altezza delle tue aspettative;
– verifichiamo con te lo stato del progetto e effettuiamo tutte le modifiche necessarie per soddisfarti al 100%;
– mettiamo online il tuo progetto, ed effettuiamo tutti i test necessari per la verifica delle funzionalità;
– attendiamo il pagamento. Non siamo avidi, ma non lavoriamo per la gloria.

Ricerca delle best practice
Ideazione
Sviluppo del progetto
Verifica del cliente
Progetto
Online
Pagamento

Se esiste una parola per dire i sentimenti dei Sardi nei millenni di isolamento tra nuraghe e bronzetti forse è felicità.
Passavamo sulla terra leggeri come acqua, come acqua che scorre, salta, giù dalla conca piena della fonte, scivola e serpeggia tra muschi e felci, fino alle radici delle sughere e dei mandorli o scende scivolando sulle pietre, per i monti e i colli fino al piano, dai torrenti al fiume, a farsi lenti verso le paludi e il mare, chiamata in vapore dal sole a diventare nube dominata dai venti e pioggia benedetta.*

*Sergio Atzeni, Passavamo sulla terra leggeri